Lo spergiuro Viganò e l'equiparazione tra omosessualità e pedofilia: il solito giochino in salsa curiale di confondere le acque (VIDEO)

Rate this item
(3 votes)

Autore di saggi di storia della spritualità e della mariologia – di cui uno prefato nel 2005 dall’allora card. Joseph Ratzinger –, curatore del blog in lingua latina Gaia Vox per Huffington Post e caporedattore Gaynews, Francesco Lepore aveva già brevemente espresso, il 28 agosto, il suo parere circa il dossier Viganò su La Repubblica.

Torna oggi a parlarne in questo video, toccando soprattutto quell’aspetto che egli considera il fil rouge del lungo memoriale pubblicato il 26 agosto da La Verità: l’ossessione dell’ex Nunzio apostolico negli Usa per la questione dell’omosessualità e l’equiparazione della stessa con la pedofilia in un voluto tentativo di confondere le acque col parlare di abusi sessuali su minori e quelli compiuti – fra l’altro in maniera del tutto sporadica e pur sempre da provare – da presuli (come nel caso dell’arcivescovo emerito di Washington Theodore McCarrick) su seminaristi maggiorenni o presbiteri «in rapporto d’autorità con le vittime».

La realtà è ben diversa: si può sì parlare di un clero cattolico maggioritariamente omosessuale – anche ai vertici come sostiene Viganò –, i cui rapporti sono però (salvo gli accennati casi) con maggiorenni consenzienti. Il caso del dossier Mangiacapra, pubblicato in anteprima da Gaynews, lo dimostra ampiamente.

Ma, soprattutto, quella delle “reti omosessuali” nel clero cattolico è davvero una realtà contemporanea nella Chiesa? E perché Viganò si è deciso a parlare solo adesso all’età di 77 anni? Perché non si è dimesso, quando lavorava alle Rappresentanze pontificie già negli ultimi anni di pontificato di Wojtyla? E che valore ha il giuramento che egli ha prestato nell'addietro di non mai rivelare quanto attiene al suo ufficio?

Eccone le valutazioni nel video 

e-max.it: your social media marketing partner

Media

happyPrince2

Featured Video