Ergastolo per Ciro Guarente.

Questo il verdetto emesso oggi dal giudice del tribunale di Napoli nord Fabrizio Finamore, che ha accolto la richiesta della pm Vittoria Petronella nei riguardi del 36enne imputato dell’omicidio di Vincenzo Ruggiero, di relativo vilipendio e occultamento di cadavere.

A nulla è valsa la pubblica richiesta di scuse in aula da parte dell’uomo, dipendente civile della Marina militare, alla madre e a due fratelli di Vincenzo. Né ha sortito miglior effetto l’invocazione di attenuanti generiche, avanzate dall’avvocato Dario Cuomo in virtù della collaborazione fornita da Guarente durante le indagini.

Nei mesi scorsi il 36enne aveva fatto il nome di Francesco De Turris, accusato di avergli ceduto la pistola calibro 7,65 usata per uccidere Vincenzo. L’uomo andrà a processo con rito ordinario nelle prossime settimane. Su altri eventuali complici sono invece in corso i riscontri degli inquirenti.

e-max.it: your social media marketing partner

Con la cattura di un minorenne tunisino si è ieri conclusa l’Operazione Zona che, condotta dalla Squadra Mobile e dal Commissariato di Vittoria (Rg), ha portato all’arresto di una banda di giovanissimi rapinatori.

Le vittime erano persone omosessuali che, adescate nella zona industriale di Vittoria e successivamente condotte in luoghi appartati, venivano improvvisamente assalite dal branco, insultate, umiltate, pestate selvaggiamente e, quindi, rapinate.

Tre dei sei aggressori (tutti residenti tra Acate e Vittoria) erano stati arrestati in agosto. Gli altri due, invece, negli scorsi giorni. Insieme con il minorenne tunisino sono tutti indagati per rapina, estorsione e lesioni aggravate.

Il minore, ieri costituitosi, era tra i più attivi della banda: era stato indicato da ben cinque vittime come quello che li picchiava e ingiuriava maggiormente. In agosto i poliziotti si erano presentati presso la sua abitazione ad Acate: per lui la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Catania aveva richiesto e ottenuto dal gip il collocamento all'istituto di pena per minori nella città etnea. Ma la misura non era stata eseguita perché il giovane si era recato dalla sorella in Francia.

Immediato è scattato il mandato di arresto europeo. Rientrato in Italia, il giovane è stato ieri arrestato.

«Si è presentato alla stazione dei carabinieri di Acate dove vive con la famiglia - hanno spiegato gli investigatori della Squadra mobile - e i colleghi della Polizia hanno subito fornito il mandato di cattura da eseguire».

Dopo le formalità di rito è stato condotto nell'istituto di pena per minori di Catania a disposizione dell'autorità giudiziaria, che lo interrogherà nei prossimi giorni.

e-max.it: your social media marketing partner

Svastische. Il nome di Allah in arabo sgrammaticato. Scritte insultanti e minatorie come Froci al rogo o acclamatorie al ministro dell’Interno come W Salvini.

Sono stati così imbrattati a Milano, nella notte tra venerdì e sabato, i muri dei locali della Scuola Popolare che, in via Bramantino, assicura corsi postscolastici e attività di sostegno per ragazzi italiani e stranieri dimoranti nel quartiere della periferia nord di Milano.

Gestita da mamme costituetisi nell’omonima organizzazione, la Scuola Popolare avrebbe dovuto riaprire i battenti proprio sabato scorso. Per evitare ritardi nel riavvio delle attività organizzate, già nella mattinata del 15 settembre una decina di alunni insieme con le mamme dell’associazione si è messa al lavoro per cancellare i segni dell’imbrattamento e ripulire i singoli locali dalla devastazione del raid notturno, definito in breve sui social come nazifascista, razzista e sessista.

Tra i primi a denunciare con forza l’accaduto è stato Luca Paladini sulla pagina de I Sentinelli di Milano, di cui è presidente: «Ormai è un assalto al giorno. Ormai è sdoganato tutto. Tutto».

Durissimo il sindaco di Milano Giuseppe Sala, che ha affermato su Facebook: «Attaccare una scuola che punta sull'integrazione significa voler ostacolare il futuro del nostro Paese. Non possiamo più tollerare gesti come questo: da milanesi continuiamo a credere in una città aperta, solidale e profondamente democratica».

Pierfrancesco Majorino ha invece dichiarato: «Aiuteremo quell'esperienza ad andare avanti senza paura». Proprio l’assessore meneghino alle Politiche sociali aveva poco prima stigmatizzato, via Twitter, il silenzio del ministro dell’Interno sulla vicenda: «Ma #Salvini non ha nulla da dire ai razzisti che vandalizzano una scuola che aiuta migranti a Milano al grido proprio di W Salvini? Noi non ci facciamo intimidire».

Un j’accuse che, sia pur in diverse forme, è stato mosso nel corso dell’intera giornata domenicale. Ma nel tardo pomeriggio è poi arrivata l’invocata dichiarazione di Salvini, che ha espresso «solidarietà alla scuola e a chi è stato colpito da questi vigliacchi. Omofobia, violenza e razzismo non fanno parte dell'Italia che voglio e per cui lavoro».

Parole che non hanno placato le polemiche, anche perché non sono state rilanciate dal ministro social per antonomasia (qual è appunto Salvini) né dalla sua pagina Facebook né dal suo profilo Twitter.

Tanti gli attestati di solidarietà da tutta Italia ai volontari e ai ragazzi della scuola in una con la richiesta – soprattutto di area Lgbt – d’una legge efficace contro l’omotransfobia.

e-max.it: your social media marketing partner

«Siamo vivendo malissimo. Da quell’11 agosto aggressioni, lettere minatorie, insulti via Facebook. E, come se non bastasse, dopo essere andati in tv per denunciare quanto accaduto a Piazza Bra, ci chiamano per annullare i contratti di lavoro».

Ha una voce flebile al telefono, spezzata dalla commozione, Angelo mentre racconta l’ennesima aggressione subita nella notte.

Ma tutto ha inizio quell’11 agosto quando lui e il suo compagno Andrea, sposatisi a Barcellona nel 2015, erano stati insultati da un branco di 20enni a Verona quali froci di merda e femminucce, quindi aggrediti fisicamente. La loro colpa? Quella di camminare mano nella mano nella centralissima piazza Bra.

Poi nelle settimane successive una lettera sgrammaticata con tanto di svastiche e scritte del tipo: «Voi culattoni, negri, ebrei, spastici finirete tutti nelle camere a gas. Viva Mussolini. Viva Hitler».

Infine, la notte scorsa, l’ennessima aggressione che – commenta Angelo - «ci ha letteralmente distrutti». Ma questa volta sul pianerottolo della loro abitazione, una villetta nella frazione di Stallavena nel Comune di Grezzana (Vr).

Verso le 2:00 Andrea ha sentito dei rumori e ha aperto la porta di casa. Si è trovato di fronte un'ombra (poi descritta come un uomo alto in abiti scuri) che, senza dire nulla, gli ha lanciato addosso della benzina ed è poi scappato via.

Scivolato a terra, il giovane non ha subito capito di cosa si trattasse ma ha sentito un forte bruciore al viso, agli occhi e alla gola«L’ho sentito gridare: Angelo, Angelo, aiutami. L’ho trovato riverso a terra, tutto cosparso di benzina»

Condotto in ospedale, Andrea ha rischiato una lesione alla retina ma i medici, che gli hanno riscontrato alcune contusioni, hanno escluso il pericolo. Come se non bastasse, sui muri di casa e sul finestrino della loro macchina hanno trovato le scritte Culattoni bruciate e Vi metteremo tutti nelle camere a gas

Sul pianerettolo di casa sono state invece rinevenute tre taniche di benzina. Segno che l'/gli aggressore/i avevano forse intenzione di dar fuoco all'abitazione ma di esserne stati impediti dall'improvvisa comparsa di Andrea, svegliato dai rumori.

«Adesso siamo a casa di amici - continua Angelo -. Andrea è distrutto e non riesce nemmeno a parlare. Siamo davvero preoccupati».

Raggiunta telefonicamente, Laura Pesce, presidente di Arcigay Pianeta Milk Verona, ha dichiarato: «È accaduto l'impensabile. Le minacce si sono tremutate in atti concreti, atti criminali. Attendiamo l'esito delle indagini respingendo strumentalizzazioni.

Ma in questo momento nessuno può umanamente rimanere indifferente. Siamo accanto ad Angelo e Andrea in queste ore buie».

Per Flavio Romani, presidente d'Arcigay nazionale, «dopo la lettera minatoria nella buca delle lettere, hanno deciso di alzare il tiro con tanto di svastiche e riferimenti ai forni. Segno che si sentono con le spalle coperte o, perlomeno, legittimati da un clima e da un potere politico che dell'odio ha fatto la sua bandiera. D'altronde siamo nella zona del ministro Fontana, di colui che ha detto: Le famiglie arcobaleno non esistono.

Colpendo per la seconda volta i due ragazzi, hanno colpito di nuovo tutti noi. Ma si sbagliano se credono di farci paura. Anzi reagiremo in maniera piú forte, piú civile e piú democratica».

e-max.it: your social media marketing partner

Mohammad Reza Pahlavi, ultimo Shāh  di Persia dal 16 settembre 1941 all’11 febbraio 1979, era omosessuale e “si concedeva” ad altri uomini.

A rivelarlo il generale Mohammad Reza Naqdi, responsabile culturale dei Pasdaran, sulla base di testimonianze di Gholam Reza Kianpour che, giustiziato l’8 maggio 1979, fu l’ultimo ministro della Giustizia prima della caduta della monarchia in Iran.

A lui Reza Naqdi ha attribuito la notizia di party privati, in cui lo Shāh avrebbe danzato in abiti femminili. Il componente dello Staff congiunto dei Guardiani della Rivoluzione islamica ha inoltre ricordato come Reza Pahlavi avesse accusato le prime due mogli, l'egiziana Fouziyeh e l'iraniana Soraya, di non potergli dare un erede e perciò ripudiate.

Il generale ha anche richiamato il dato della separazione della camera da letto dello Shāh da quella dell’ultima consorte, Farah Diba, nel Palazzo Bianco a Teheran.

Al momento non si registrano ancora commenti al riguardo da parte dei componenti della famiglia reale. Silenzio assoluto da parte dell'imperatrice Farah Diba e del figlio primogenito Ciro.

e-max.it: your social media marketing partner

Il Senato romeno ha ieri adottato la proposta di revisione della Costituzione per la ridefinizione del concetto di famiglia.

A votare a favore del provvedimento 107 senatori del Partito Social Democratico (Psd), di Alleanza dei Liberali e dei Democratici (Alde), del Partito Nazionale Liberale (Pnl) e dell'Unione Democratica Magira di Romania (Udmr). Gli unici voti contrari quelli dei 13 parlamentari di Unione Salva Romania (Usr).

Il voto del Senato è stato l'ultimo passo prima del referendum di riforma costituzionale, fissato al 7 ottobre. Per Liviu Dragnea, leader del Psd (partito di governo) e presidente della Camera dei deputati, il referendum sarà «un momento cruciale per i valori fondamentali della società rumena».

L’iniziativa referendaria era stata lanciata mesi fa da alcune associazioni che, vicine alla Chiesa ortodossa romena e riunite nella Coalizione per la famiglia, hanno raccolto circa tre milioni di firme.

Secondo il testo che verrà sottoposto a consultazione e che in caso di vittoria del sì sarà inserito nella Carta costituzionale, il matrimonio «rappresenta l'unione tra un uomo e una donna» e non tra «sposi» come prevede l'attuale articolo.

La legislazione romena non consente le unioni tra persone dello stesso sesso ma secondo Coalizione per la famiglia un esplicito divieto in Costituzione renderebbe difficile se non impossibile modificare o introdurre una norma in tal senso.

e-max.it: your social media marketing partner

«In ottobre saremo in Commissione e, se tutto va bene, prima di Natale in Aula». Risponde così un ottimista Simone Pillon nel corso dell’intervista rilasciata oggi a La Stampa sul ddl che, relativo all’affido condiviso, lo vede primo firmatario.

Un disegno di legge che, eliminando l’assegno di mantenimento e imponendo la mediazione familiare obbligatoria nei casi di separazione con minori, sta suscitando ovunque una levata di scudi.

Per Linda Laura Sabbadini c’è una volontà – come scrive, sempre sul quotidiano torinese, l'insigne studiosa di statistica sociale a commento dell’intervista - «a farci tornare al matrimonio indissolubile. E così le violenze contro le donne più facilmente continueranno, i conflitti esploderanno tra i separati in casa, e chi ci rimetterà? I bambini sempre meno sereni, e le madri e i padri più responsabili.

Non votate questa legge, è un attacco ai diritti dei bambini, delle donne e dei padri responsabili. Uccide la genitorialità, quella vera, del cuore e della responsabilità. Uniamoci tutti. Indietro non si torna».

Colpisce nel segno Sabbadini, dal momento che il senatore leghista non esita a dichiarare: «Vorrei introdurre in Italia il convenant marriage americano: una forma di matrimonio indissolubile».

È vero che si tratta di una risposta a una serie di domande sulla base della premessa «Facciamo un gioco: Pillon dittatore d’Italia». Ma è indicativa del modo di pensare dell’avvocato bresciano vicino a Gandolfini ed esponente del Family Day, anche se visto come una sorta di traditore e opportunista dagli adinolfiani del Popolo della Famiglia.

In questo gioco sull’agire di un Pillon quale ipotetico dittatore non mancano le dichiarazioni sull’aborto: «Noi sosteniamo la vita e dunque dobbiamo convincere ogni donna a tenere il suo bambino» fino all’extrema ratio: «Glielo impediamo». Come quelle sul matrimonio egualitario: «Matrimonio gay? Non esiste, perché la famiglia è quella naturale. Se intende le unioni civili, le abolirei».

Non per niente, prima delle risposte al “gioco del dittatore”, Pillon afferma: «Per me, esistono mamma e papà. Genitore 1 e genitore 2 sono una vergogna; l’utero in affitto, un abominio».

Affermazioni che per Pillon discendono dall'essere «cattolico, apostolico e romano. Anzi, papista». Perché per lui «la fede non è un fatto privato, ma ha una dimensione pubblica».

e-max.it: your social media marketing partner

«Ho visto due ragazzi che si stavano baciando e ho provato un senso di schifo».

Queste le parole che, pronunciate, venerdi 7 settembre, dal conduttore radiofonico Roberto Marchetti durante il Morning Show di Radio Globo, ha suscitato le reazioni di Nunzia, un’ascoltatrice: «L’Italia così non andrà mai avanti. Verso la civiltà, la tolleranza. Sei incivile, intollerante».

Ma Marchetti, anziché scusarsi, ha prima ribattuto: «Qui non diamo nessun messaggio, questo non è un programma educativo, io personalmente nel momento in cui vedo due uomini che si baciano provo un senso di ribrezzo». Per poi uscirsene, di fronte a ulteriori osservazioni di Nunzia, con un «Sti cazzi».

A seguito di ulteriori repliche è arrivata, alla fine, l’interruzione della telefonata con la motivazione di andare in pubblicità.

Le uscite di Marchetti e il suo comportamento con l’ascoltatrice hanno sollevato una reazione indignata che è esplosa nelle ultime ore. Tanto più che non si è registrata nessuna presa di distanza da parte di Radio Globo che, con il proprio atteggiamento, ha così avallato quanto detto durante il Morning Show, di cui ha la piena responsabilità editoriale. 

Durissima la reazione di Sebastiano Secci, presidente del Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli e portavoce del Roma Pride, che in un comunicato ha dichiarato: «Quando Radio Globo si è offerta come media partner del Roma Pride eravamo felici che una radio generalista si impegnasse a divulgare i valori del Pride. Per questo la vicenda ci ha provocato delusione e rabbia: non solo per la gravissima affermazione del conduttore ma anche, e soprattutto, per il silenzio colpevole dell’editore.

Il Roma Pride, nei suoi ormai quasi 25 anni di storia, ha fatto della propria piattaforma valoriale e politica l’elemento centrale della sua azione, senza aver timore di rifiutare sponsorship e partnership con aziende e marchi noti ma che non avevano delle policy rispettose dei diritti e della dignità di tutte e tutti. Per questo abbiamo intenzione di interrompere qualsiasi partnership con Radio Globo riservandoci di agire in ogni sede per tutelare il nostro nome e la nostra storia.

Nel merito della vicenda ci dispiace dover spiegare a professionisti che lavorano nel campo della comunicazione che la libertà di espressione non è libertà di insulto e che si esercita contro chi è detentore di potere, non contro le minoranze oppresse della società. Questa è solo vigliaccheria che qualifica chi se ne rende autore e complice.

Quelle parole gravissime possono avere un impatto ingiustamente doloroso sulle tante persone che ancora oggi lottano per accettarsi pienamente e per ottenere piena dignità nella nostra società. Dispiace che si sia scelto di speculare sulle loro vite e sulle loro difficoltà per ottenere qualche momento di visibilità».

e-max.it: your social media marketing partner

Il 2° weekend di settembre Berlino si riempie di fetish sopratutto gay. Ma in realtà persone di ogni orientamento sessuale prendono parte a uno dei principali eventi europei a caratura internazionale.

Berlino è città legata alla cultura leather da tempo e, da 15 anni, ospita il Folsom Europe ispirato al tradizionale Folsom Street Fair di San Francisco. La kermesse di cultura Bdsm e leather è gestita da una organizzazione che dà lavoro ai suoi addetti durante tutto l'anno e si sta sviluppando sempre di più in una collaborazione che coinvolge diverse organizzazioni a livello internazionale. 

L'aspetto leather fetish, che connota questo evento, è declinato in tantissime sfumature: dai sex party e cruise bar a momenti di socializzazione per gli amanti dei diversi generi (leather uniform, rubber, sporty, puppy) fino agli eventi culturali. Come la mostra fotografica a tema fetish More Pixx ospitata presso lo Schwules Museum, unico museo europeo dell'omosessualità. O come il concerto di musica classica Classics meets Fetish, dove musicisti, esponenti del mondo leather fetish e comprendenti talvolta celebri pornoattori come Dirk Caber e Jesse Jackman, eseguono brani di musica classica davanti a un pubblico in uniforme in pelle o in gomma. 

Non solo sex party, quindi, ma anche momenti di socializzazione e connessione fra tanti amanti del genere con l'instaurazione di una rete di contatti e relazioni, che sta creando una contaminazione sempre più profonda fra la cultura europea e quella americana a tutti i livelli. 

Ma il Folsom è anche occasione di fundraising come la cena di beneficienza e la raccolta organizzata dalle Sorelle della Perpetua Indulgenza (Spi Sisters), drag queen in abiti simil-monastici che, con un impegno assiduo durante tutto l'anno, presidiano gli eventi della comunità e raccolgono fondi per iniziative contro la diffusione delle Mts e HivLa fiera è poi l'appuntamento clou della kermesse con la presenza di stand di varie ditte del settore ma anche con talk show e interviste.

Sempre più forte al Folsom Europe la presenza della comunità leather italiana con tanto di "foto di famiglia" - scattata la domenica pomeriggio - davanti al ristorante lucano La  Montagnola, cui partecipano gli esponenti di tutti i club (Leather Clubs Roma, Leather Friends Italia e Leather & Fetish Milano, ai quali si è recentemente unita la neonata Tuscany Fetish & Leather League) e i detentori dei singoli titoli nazionali dell'anno: Mr Leather Italia, Mr Rubber Italia, Mr Puppy Italia.

Insomma, Berlino sempre più cuore fetish di Europa. Anzi, si potrebbe parlare di centralità fetish a livello intercontinentale insieme con Leather Pride Belgium e la Berlin Easter. Basterebbe inqatti pensare alla partecipazione dei vincitori degli specifici titoli europei agli eventi statunitensi come nel caso dei 12 Mister europei all'International Mr Leather. O anche come giudici ai concorsi d'oltreoceano: il prossimo novembre, ad esempio, Gennaro, Mr Rubber Italia 2017, parteciperà in tale veste a Mr Rubber Mexico mentre, a gennaio, Fabrizio, Mr Leather Italia 2017, sarà componente di giuria in occasione di Mr Mid-Atlantic Leather a Washington. 

Una connessione internazionale che va di pari passo col rafforzamento della battaglia sia contro i pregiudizi sessuali e di genere sia per la salute delle persone Lgbti con le campagne preventive delle Mst e Hiv. Ma anche con l'accettazione della propria sessualità e della propria identità, spesso rappresentata dal personale interesse feticistico. Aspetto, questo, cui sta contribuendo anche la derubricazione dei feticismi dall'Icd da parte dell'Oms (così come dal Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell'Apa).

Il cammino verso la liberazione dai tabù sessuali e dallo stigma relativo alle diversità ha dunque ulteriori armi a disposizione. Ed eventi come il Folsom Europe rappresentano un vero e proprio bagno di accettazione e rappresentazione di sé, libera da ogni giudizio.

Guarda la Gallery

e-max.it: your social media marketing partner

Meno di una settimana fa una coppia di giovanissimi palermitani (15 e 16 anni) veniva aggredita nel parco di Villa Giulia da un branco di 20enni. Pugni in bocca e in faccia mentre il più giovane dei due fidanzati riceveva anche un colpo di casco sulla testa.

Un episodio di violenza omofoba che ha scosso il capoluogo siciliano anche per il suo carattere di unicità. Mentre proseguono le indagini della questura per fare piena luce sulla vicenda e identificare gli autori dell’aggressione, i due adolescenti hanno trovato un immediato sostegno in Alessandra Barone, Miss Trans Europa 2015, e dell’intero comitato di Arcigay Palermo.

Abbiamo perciò raggiunto Gabri, una delle vittime, e sua madre, per sapere come stanno vivendo quanto accaduto.

Gabri, come ti senti dopo la drammatica esperienza del 29 agosto?

Sono molto sofferente sia fisicamente sia psicologicamente. Vado avanti grazie a delle gocce calmanti e antidepressive.

Ti è stata manifestata solidarietà?

Sì, ho ricevuto attestati di solidarietà da tutti. Nessuno mi ha voltato la faccia.

Signora, prima dell’aggressione subita da suo figlio, era a conoscenza della sua omosessualità?

Certo, lo sapevo.

Come vive l’omosessualità di suo figlio?

Male. Molto male. Ci sto lavorando ma la vivo male.

Perché?

Non glielo posso spiegare. Lei è genitore?

No...

Allora non può capire!

Però può provare a spiegarmelo...

Io, oggi, sono accanto a mio figlio, lo sostengo e lo rispetto. Rispetto la sua personalità e il suo orientamento sessuale. Ma non è certo questa condizione quella che una madre desidera per il proprio figlio.

Ma, intorno a lei, quale atteggiamento ha notato rispetto alla violenza subita da Gabri?

Un atteggiamento di grande civiltà e grande vicinanza.

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video