Umbria, Lega attacca il Protocollo attuativo della legge regionale contro l'omofobia. Pillon: «Così si consegnano i bambini alle lobby gay»

Rate this item
(0 votes)

Sono stati fissati al 17 settembre la sottoscrizione del protocollo d’intesa sulle norme umbre «contro le discriminazioni e le violenze determinate dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere» e l’avvio del gruppo di lavoro d’attuazione della legge sotto il coordinamento della Regione Umbria.

Alla firma del Protocollo per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni in ragione dell'orientamento sessuale o dell'identità di genere sono chiamate istituzioni, organismi e associazioni umbre.

Ma dopo l’approvazione del Protocollo da parte della Giunta regionale non si placa la polemica in salsa leghista, che ha oggi toccato l’acme in una conferenza stampa a Perugia presso Palazzo Cesaroni (sede del Consiglio regionale) con gli interventi del senatore Simone Pillon, del deputato Virginio Caparvi e del consigliere regionale Valerio Mancini.

«Un protocollo applicativo illegittimo, che viola gravemente la legge e il diritto dei genitori ad educare i propri figli». Questa la sostanza del j’accuse lanciato dalla triade leghista, che ha parlato - in un'aula pressoché deserta - di «risorse pubbliche che vanno a finanziare le lobby gay» e di un atto «che fa riemergere cose che la Lega aveva combattuto» in fase di stesura della legge regionale 3/2017.

«Se il Consiglio regionale con legge stabilisce dei dettagli - ha sottolineato Virginio Caparvi, segretario Lega Umbria -, un protocollo della Giunta regionale non può poi uscire dal perimetro». Il punto centrale, messo in evidenza, è quello «dell'educazione sessuale fatta agli studenti che ritorna di soppiatto, con l'idea di diffondere la cultura gender, dopo che era stata tolta nella stesura finale della legge regionale».

Una norma che, per Caparvi, «è comunque discutibile non perché parla di discriminazioni ma per l'approccio, che nasconde, dietro quindi un concetto condivisibile, delle idee che lo sono un po' meno».

Di «attività illegale»e che va «contro il diritto dei genitori di educare i figli che si vogliono invece indottrinare in altro modo»ha parlato anche il senatore Pillon. «Era stato escluso con la legge - ha aggiunto il legale di Massimo Gandolfini - qualsiasi riferimento e rapporto diretto tra la formazione in ambito educativo, su temi della discriminazione, e studenti. Invece il protocollo lo riattiva con azioni formative, da parte di alcune organizzazioni, rivolte ai ragazzi. Non si tratta altro che di formazione ideologica sul gender ai bambini». Per concludere: «Così facendo, il protocollo della Regione Umbria va contro la convenzione Onu per i diritti del fanciullo. Questo protocollo consegna i bambini alle lobby gay».

Il vicepresidente dell'Assemblea legislativa Valerio Mancini ha invece invitato tutti i sindaci umbri della Lega «a non firmare un atto che si traduce in una vera e propria invasione di associazioni che inquinerebbero la formazione degli studenti». Ha quindi rimarcato le critiche alla norma, che sarebbe ideologica e introdurrebbe «intermediazioni dannose tra famiglie, docenti e studenti» e ribadito l'impegno in favore della famiglia tradizionale».

Ha infatti annunciato che, dopo Todi, sarà presentata anche nei Comuni di Città di Castello e Umbertide una mozione per l'istituzione della Giornata della famiglia tradizionale.

Mancini, inoltre, dopo aver criticato anche il reperimento di fondi per queste iniziative, «che coinvolgono un numero molto limitato di casi mentre invece non si trovano risorse per problematiche ben più sentite. Se nel 2020 ci sarà, come auspichiamo, un cambio nell'Amministrazione regionale, leggi inique come queste verranno immediatamente cancellate: basta con osservatori, norme inutili, iniziative ideologiche.

Immaginiamo una scuola in cui si educa e in cui gli attori del progetto educativo sono le famiglie e gli insegnanti e nessun altro».

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video