log in

Diritti

Primavalle: Madre denuncia scuola per insulti omofobici al figlio

  • Written by Il Messaggero Roma
  • Published in Diritti

UNA BANDA DI RAGAZZI BERSAGLIAVA SUL WEB UN COMPAGNO DI CLASSE, LA MAMMA HA DENUNCIATO PRESIDE E DOCENTI

\r\n

LA STORIA Per insultare e ferire un compagno di classe avevano organizzato persino un gruppo su whatsapp: «We hate V.». «Ao io te l’ho detto che è fr…». «Uno che si guarda porn hub gay non penso sia etero». «Infatti, è un fallito». Maschi e femmine, studenti dell’istituto magistrale Gassman di Primavalle, per settimane, prima della chiusura dell’anno scolastico, avrebbero dato sfogo alle prese in giro del loro compagno di banco per poi riservargli in classe scherzi e un clima ostile. Atti talmente gravi che in un momento di disperazione hanno portato la vittima, poco più che sedicenne, a fare in casa discorsi senza scampo. Ieri il caso è finito su una scrivania della Procura di Roma. La madre dello studente vittima di bullismo ha delegato un legale di fiducia, l’avvocato Fabrizio Consiglio, a presentare una denuncia contro i compagni di classe autori delle vessazioni, ma anche contro la preside e tre docenti che, allertati, non sarebbero intervenuti. Sono stati mesi di disperazione quelli che avrebbero portato Bruno (nome è di fantasia) a cambiare scuola. Da gennaio a maggio. A scatenare la reazione a catena una battuta che Bruno ha rivolto a un compagno: «Quando sei venuto a dormire da me, te l’ho visto e non ce l’hai tanto grosso». Una battuta scherzosa che scatena sospetti e azioni di isolamento. A Bruno a maggio poi sparisce il motorino in cortile. Nella chat una ragazzina fa scattare l’allerta: «Regà per me ha sentito a ricreazione del motorino». E per lui si sta preparando anche un appostamento fuori dalla scuola. Il caso potrebbe non rimanere unico. «Sta per essere presentata un’altra querela da parte di un secondo studente dello stesso istituto», ha anticipato l’avvocato Consiglio.

\r\n

Adelaide Pierucci