Mar 31, 2017 Last Updated 4:05 PM, Feb 27, 2017

Ovaria, la \"cura\" omeopatica per \"guarire\" le lesbiche

Published in Primo Piano

Da Wired.it (15/2/2017)

Curare l’omosessualità femminile con un trattamento omeopatico. Potrebbe sembrare una notizia di Lercio, visto che, in primo luogo, l’omosessualità non è una malattia e, in secondo luogo, numerosi studi scientifici concordano sul fatto che l’omeopatia sia inefficace per il trattamento di qualsiasi cosa, ma purtroppo è tutto vero.

Il composto è presentato e venduto sul sito di una parafarmacia romagnola che gode dell’autorizzazione al commercio online da parte del Ministero della Salute.

Alla modica cifra di 14 euro per 100 compresse o di 13,60 euro per il flacone da 22 millilitri, è possibile acquistare Dr. Reckeweg R20, un rimedio “per dare sostegno, stimolo e regolazione alle funzioni endocrine femminili”.

Insieme ad altri cinque ingredienti, nella formulazione del preparato si dichiara la presenza di Ovaria, che da fonti online pare essere lo stesso principio che va anche sotto i nomi di Ovininum, Ovinium, Eierstöcke, Oophorinum, Ovar, Ovarialextrakt e Ovaries.

Sull’origine di questa sostanza (presente in concentrazione infime, come sempre in omeopatia) si trova ben poco, se non una generica di estratto ovarico.

Scorrendo tutti i disturbi per cui Ovaria viene consigliata come rimedio, si legge di “irregolarità mestruali, disturbi del climaterio, deficit di memoria, depressione, disturbi funzionali delle ghiandole, complesso di inferiorità, criptorchidismo, enuresi notturna, impotenza, frigidità femminile, tendenze lesbiche, oligo e azzoospermia, congestioni”.

Lasciando per un attimo perdere la comprovata inefficacia dell’omeopatia (gli eventuali benefici dei trattamenti omeopatici sono da considerare – per la comunità scientifica – come il risultato dell’effetto placebo) è veramente difficile credere che un singolo rimedio possa essere efficace nel trattamento di una serie cosi vasta e variegata di sintomi.

Soprattutto, però, le “tendenze lesbiche” non sono né undisturbo né tanto meno una malattia, quindi non si capisce che cosa ci sia da trattare. Si vuole forse alludere al fatto che le donne omosessuali dovrebbero farsi curare per ritornare a essere attratte dall’altro sesso?

Come conferma anche il sito stesso della para-farmacia, il punto vendita romagnolo rientra nel dataset miniteriale con “l’elenco completo degli esercizi commerciali, diversi dalle farmacie, autorizzati alla vendita al pubblico di farmaci”.L’ultimo aggiornamento dell’elenco è di oggi, 14 febbraio 2017.

I primi a segnalare questa storia sono stati i debunker di Bufale Un Tanto Al Chilo (Butac), che hanno anche invocato l’intervento del ministro della salute Beatrice Lorenzin per far correggere il tiro. Altri siti che commercializzano prodotti o consigliano prodotti omeopatici, pur vendendo fuffa, hanno rimosso dalla descrizione del prodotto il riferimento all’orientamento sessuale.