L'imprenditore e attivista Bruno Tommassini tra i produttori di “Zen sul ghiaccio sottile”, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia

Rate this item
(0 votes)

Zen sul ghiaccio sottile è il film di Margherita Ferri con Eleonora Conti e Susanna Acchiardi che, presentato (1-2 settembre) nella sezione Biennale College della 75° edizione della Mostra d’Arte cinematografica di Venezia, ha anche gareggiato per l’attribuzione del Queer Lion. Assegnato ieri sera, il premio per il “miglior film con tematiche omosessuali & Queer culture” è però andato alla pellicola guatemalteca José.

Zen sul ghiaccio sottile racconta la storia della 16enne Maia Zenasi, che per i suoi compagni di liceo è una "mezza femmina" e una "lesbica di merda". Maia, però, dentro è Zen, un ragazzo che ama l'hockey e ha un debole per Vanessa, compagna di classe fidanzata con il bullo Luca.

Quando Vanessa chiede a Maia le chiavi del suo rifugio di montagna per andare a fare sesso con Luca, Zen gliele consegna. E quando Vanessa deciderà di nascondersi nel rifugio per sottrarsi alle consuetudini di una vita già preordinata, sarà Zen il suo modello di anticonformismo.

Il film ha ricevuto il sostegno importante di Biennale College, che ha creduto in una sceneggiatura già vincitrice di una menzione speciale al Premio Solinas.

La pellicola è stata prodotta anche grazie al contributo concreto di Prodigio Divino che commercializza i vini Vinocchio e Uvagina, presenti fra l'altro all’interno del film, di cui amministratore e socio è Bruno Tommassini, imprenditore e militante Lgbti, particolarmente sensibile alla valorizzazione della cultura e della comunicazione funzionale al contrasto dello stigma omotransfobico.

«Ho proposto e lavorato insieme a tanti bravi giovani talenti per il film di Margherita Ferri perché nella mia vita il cinema è stato compagno di viaggio e di lotta nell’affermazione ancora incompiuta della nostra emancipazione come gay e lesbiche e come comunità che ha molto da dire alla società italiana - dichiara Bruno Tommassini - Il cinema non rappresenta solo ciò che siamo e il Paese in cui viviamo. Il cinema ha la forza di compiere un prodigio: far riflettere, indignare, ridere e piangere.

Sono i sentimenti che cementificano una comunità e che il cinema Lgbti in questi decenni ha portato sempre più al grande pubblico, non solo un pubblico Lgbti. Sono tanti i momenti importanti trascorsi davanti al grande schermo mentre guardavo le pellicole con cui mi sono formato. So quanto hanno influito sulla mia crescita. Mi interessa, dunque, restituire anche solo una parte di quelle emozioni attraverso il lavoro di giovani, che hanno voglia di parlare all’Italia perché vada avanti e non regredisca».

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video