Al via l'help line gratuita per migranti che vivono discriminazioni. Biancamano: «Iniziativa di rilievo nell'attuale momento politico»

Rate this item
(2 votes)

Certamente importante la rete di progetto che, dal 1° settembre, vede il comitato Arcigay di Napoli a fianco di Mani Tese Campania, Acli (sede provinciale di Napoli), Associazione Vivamente, Centro Shalom e Movi (Federazione provinciale di Napoli).

Si tratta, per l’esattezza, del progetto Forti per agire: un servizio telefonico (attivo appunto da oggi) per persone migranti che vivono in condizioni di disagio e/o di discriminazione.

Sarà possibile contattare esclusivamente attraverso sms e messaggi WhatsApp il seguente numero: +39 3755844245.

Il programma Forti per agire (col sostegno della Fondazione con il Sud) intende potenziare la rete attraverso attività di formazione per volontari, attività di inserimento lavorativo e accompagnamento alla creazione d’impresa per immigrati. Si vuole valorizzare il ruolo degli immigrati nel contesto territoriale in cui vivono, favorendone l’inserimento sociale e lavorativo, diffondendo nel contempo una cultura dell’integrazione e della collaborazione nella comunità dei cittadini italiani e stranieri.

Nello specifico delle azioni si intende realizzare: un percorso formativo per i volontari delle associazioni aderenti alla rete; un percorso formativo nelle scuole; l’inserimento lavorativo per stranieri tramite la realizzazione di tirocini presso la bottega del commercio equo di Mani Tese Campania e la gestione di diverse coltivazioni biologiche locali a km 0; presentazione di istanze di finanziamento al Comitato Microcredito del rione Sanità per avviare microimprese; azione di monitoraggio delle condizioni delle persone richiedenti asilo nelle strutture di accoglienza.

Per saperne di più abbiamo contattato l’avvocata Mara Biancamano, legale dello sportello di supporto ai migranti Lgbti  Migra Antinoo del comitato Arcigay di Napoli.

Avvocata Biancamano, qual è la rilevanza per la comunità Lgbti di questo servizio attivo dal 1° settembre? 

Le azioni di contrasto alle discriminazioni delle persone Lgbti sono quanto mai necessarie. Se si pensa poi che questo progetto è dedicato ai migranti Lgbti, l'azione assume particolare rilievo. I migranti Lgbti sono persone doppiamente discriminate, per il loro essere migranti e per il loro orientamento sessuale.

Dunque, a suo parere, questo momento storico è particolarmente critico per le persone Lgbti e per i migranti?

Certamente! Soprattutto in questo triste momento politico in cui i soggetti più vulnerabili sono colpiti da taluni soggetti delle istituzioni anziché esserne tutelati. Invito alla massima diffusione del progetto proprio in ragione della forte necessità di tutela, che in questo caso è, inoltre, totalmente gratuita, dei migranti Lgbti.

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video